Gran San Bernardo - vista dal versante svizzero

A due passi dal cielo

Amate l’alta montagna? Vi piacciono i cani e le scorpacciate? Ecco la soluzione!

Per tutti coloro che adorano respirare una ventata di aria gelida anche in pieno agosto, che adorano passare da 28 a 12 gradi in un batter d’occhio e che amano mangiare con indosso la giacca a vento anche in estate, ecco trovata la soluzione per voi! Se poi aggiungete a tutto questo anche una delle razze canine più famose e originali di sempre, e condite il tutto con un bel tegame di polenta concia e affettati locali, avete trovato il paradiso dei montanari e non solo!

Si tratta del colle del Gran San Bernardo, che mette in comunicazione la Valle d’Aosta con la Svizzera di Martigny. La strada per il passo è sempre in ottime condizioni (quando è aperta, cioè da Giugno a Ottobre), e già dopo i primi tornanti troviamo un alpeggio che propone merende a base di taglieri di salumi e formaggi e vende burro e fontina in gran quantità. Procedendo per il passo ci imbattiamo in un vecchio rifugio e in una casa cantoniera ormai dismessa, il tutto molto pittoresco e immerso in uno scenario mozzafiato: ormai gli alberi hanno lasciato il posto a sterminate distese di erba verdissima e rocce acuminate, con nevai che sopravvivono al caldo estivo anche a Luglio e con solamente i versi delle marmotte a farvi da sfondo. Superati altri infiniti tornanti e paravalanghe, arriviamo finalmente al colle, dove ci attende il Refuge du Lac, con il suo menu in parte turistico ed in parte super tipico, il tutto accompagnato dalle buonissime birre artigianali del gran San Bernardo, di cui personalmente vado molto ghiotto J. Poco dopo un albergo potrà ospitare i più temerari di voi J che vorranno passare una notte dispersi nel freddo torrido e nel buio pesto dell’alta montagna, mentre pochi passi oltre la frontiera si sviluppa il monastero ove sono ancora custoditi i cani che danno il nome al celebre passo: i san bernardi.

E’ possibile vederli e farsi foto con loro, ma a pagamento, e incluso nel prezzo sarà possibile visionare anche il museo del monastero, contenente fra le altre cose il tesoro dei monaci. Se si preferisce non pagare per vedere i cani, sarà comunque possibile incontrarli dopo pranzo per la loro consueta passeggiata pomeridiana.

Infine se avete un compagno a 4 zampe potete portarlo con voi senza problemi, basta avvisare il ristorante. Non sarà possibile però, visitare con il vostro cane il monastero e il museo. Per noi non è stato un grosso problema, poiché abbiamo fatto i turni, portando con noi la nostra cucciola e visitando tutto.

Nessun commento

Scrivi un commento